Immagine: *Progetto di pace e comunità di valori europei!
*Progetto di pace e comunità di valori europei!

Progetto di pace Europa

 

Obiettivo

La nostra nuova Europa - con e per noi cittadini in tutta Europa!

1.  Un'Europa democratica, svariata, in costante evoluzione, flessibile e aperta al mondo, dove noi cittadini determineremo nei referendum le questioni europee importanti che noi stessi vogliamo decidere con la scheda di voto: per esempio il ruolo del nostro paese in Europa, la nuova Costituzione, l'entrata di nuovi paesi membri (Turchia, Ucraina, Bielorussia, Balcani...), l'euro/tasse euro, l'immigrazione, ma anche le pandemie e il cambiamento del clima! 

 

2.   Un'Europa prospera, sussidiaria e forte da Vladivostok a Reykjavik, dove coopereranno in pace tutti i paesi europei, di modo efficiente e vantaggioso per tutti i popoli in Europa, secondo la volontà dei loro cittadini!


3.   Un'Europa che ci prenderà sul serio come il suo sovrano, come cittadini impegnati e emancipati, consapevoli della nostra responsabilità e come europei convinti e critici del secolo 21 - perché nella nostra nuova Europa noi cittadini avremo l'ultima parola - con la scheda di voto!

 

 

 

Cammino


Democratico - con milioni di cittadini in 51 paesi europei

 

 I. Reset Corona/clima per una nuova Europa svariata e democratica nel 21° secolo!

  • 2022 - Rivolta dei cittadini virale: Milioni di cittadini da Vladivostok a Reykjavik chiedono su our-new-europe.eu/it una cooperazione pacifica che porterà prosperità a tutti i paesi europei in una nuova Europa diversificata e democratica (manifesto democratico)!
  • 2023 - Cambio di epoca: I politici eletti nelle prossime elezioni europee (e in paesi non-UE come Russia, Ucraina, Gran Bretagna, Svizzera..) si uniscono ai loro cittadini e passano alla storia come fondatori della nuova Europa, che prendono sul serio i loro cittadini e fanno del loro paese e di Europa fari nel mondo per la democrazia, la pace, la libertà e la prosperità, i diritti umani e la dignità umana!  

II. Attuazione democratica con referendum - dal basso - in tutta Europa!

  • 2024 - Primo referendum paneuropeo sulla questione fondamentale:
    "Quale posto deve occupare il vostro Paese nella nuova Europa: Nel nucleo dell'Europa politicamente integrato, o nel mercato comune, o in una grande zona di libero scambio europea da Vladivostok a Reykjavik?"

  • Costituzione Europea:
    2025: Elezione del Consiglio Costituzionale in elezioni democratiche in tutti i paesi partecipanti
    2030: Ratifica della Costituzione nei referendum nazionali in tutti i paesi partecipanti
  • 2031 - Prime elezioni europee: Elezione dei membri di ogni paese nel Parlamento europeo.

 

1. Ogni crisi una chance!


Nella nuova Europa, le crisi - in particolare Corona e il cambiamento del clima - sono utilizzate come opportunità per risolvere i conflitti, rafforzare la democrazia e creare una cooperazione pacifica e prospera al servizio di tutti i paesi europei - per mezzo di referendum:

  1. La crisi dei rifugiati sarà  superata finalmente con successo e in modo sostenibile con una politica europea in materia di asilo e rifugiati comune e flessibile. Una nuova Unione di rifugiati di paesi europei desiderando di integrarsi e accordi volontari con altri paesi europei permetteranno di rafforzare la protezione delle frontiere e di ridurre l'afflusso di rifugiati e di richiedenti asilo, grazie in particolare a misure efficaci per promuovere lo sviluppo economico nei paesi d' origine e di transito dei rifugati.

  2. La crisi dell'euro servirà a creare un'Unione economica, monetaria e fiscale (UEM), con l'euro, con un governo economico europeo e con tasse comuni nei paesi membri desiderando di integrarsi. Tutti gli altri paesi europei (tra cui Russia, Ucraina, Bielorussia, Turchia, Gran Bretagna, Svizzera, ecc.) sono invitati ad aderire all'area europea di libero scambio o all'area economica/mercato comune (SEE) - con libera circolazione di beni, servizi e capitali, ma senza libera circolazione delle persone e senza l'euro. La  cooperazione economica intensa e diversificata e il libero scambio che resulterà porteranno prosperità, stabilità e pace all'intero continente!
    ddd
  3. Le esperienze fatte con la pandemia di Corona mostra che, per poter combattere le future pandemie in modo più efficace e con successo, ogni Paese deve preparare senza indugio le leggi di emergenza necessarie e un'organizzazione nazionale, ovvero misure flessibili, efficienti, adattate alle circostanze locali e nazionali, supportate e approvate dai cittadini nei referendum, nonché un'organizzazione nazionale di crisi versata e ben allenata, mobilizzabile con breve preavviso in qualsiasi momento. - A livello europeo è necessario garantire un supporto non burocratico, prontamente disponibile e flessibile e presso l'ONU/OM un sistema di monitoraggio e di allarme pandemico globale efficiente e indipendente.
    ddd
  4. Per prevenire l'apocalisse climatica evocata da Greta Thunberg e dalla gioventù climatica, l'Europa deve portare avanti un programma climatico che abbia il massimo effetto globale: nella "Alleanza democratica globale dei cittadini per il clima", gli europei, insieme con tutti i cittadini disponibili in tutto il mondo, in quanto consumatori e cittadini a tutti i livelli di governo (Comune, regione, nazione, ONU) si impegneranno per una protezione del clima efficiente e globalmente sostenibile, in particolare con un "centesimo climatico" di paesi volontari sulle energie fossili per finanziare le misure più efficaci di protezione del clima, in particolare nelle parti più povere del mondo, con una cooperazione internazionale rispettosa del clima, compresi i certificati di emissione, e con un monitoraggio globale indipendente del clima delle Nazioni Unite.
    ddd
  5. Le crisi nell'Europa orientale saranno risolte in modo pacifico e democratico: I cittadini di Ucraina, Crimea, Russia e Bielorussia - d'accordo con Mosca - determineranno il futuro del loro paese nei referendum, osservati dall'ONU/OSCE, e i loro governi prendendo sul serio i cittadini e attuando le loro decisioni, e entreranno così nella storia del 21° secolo facendo dell'Europa e del loro paese fari per la democrazia, la pace, la libertà, la prosperità, i diritti umani e la dignità umana -e innescando un boom globale della democratizzazione e dell'economia, soprattutto anche in tutta l'Europa orientale.

Download
Costituzione-i.pdf
Adobe Acrobat Document 207.1 KB

2. Costituzione democratica

2.1  Costituzione dei cittadini


La Costituzione è la base giuridica del progetto di pace europeo - una nuova Europa democratica, svariata, sostenibile e prospera, aperta a tutti i paesi europei:

  • Il punto di partenza di questa nuova Europa è l'odierna Unione Europea (UE), con le sue crisi e i suoi piani per un'ulteriore integrazione politica, soprattutto nei settori dell'economia e della società, delle migrazioni e, a causa delle esperienze con Brexit, Corona e dell'imminente apocalisse climatica, anche nella politica sanitaria, climatica, estera e di difesa.
    ddd
  • Nella nuova Europa, i cittadini hanno l'ultima parola su tutte le questioni importanti con i referendum, ad esempio sull'entrata e l'uscita dalla comunità, l'euro, i rifugiati, il clima e Corona (democrazia diretta).
    dddmmm
  • La Costituzione deve essere creata democraticamente: Deve dapprima essere redatta e adottata da un Consiglio costituzionale (eletto dai cittadini di tutti i paesi partecipanti), poi ratificata con referendum in ogni paese, ed infine attuata tramite referendum con la partecipazione attiva dei cittadini.
    ddddddmmm
  • Conclusione: La nuova Costituzione deve assolutamente essere comprensibile per i "cittadini normali", e quindi il più breve possibile! Tutti i dettagli saranno regolati a livello di legislazione e ordinanze. - Con 16 pagine e 21 paragrafi, la nuova Costituzione europea ce la fa meglio che la Costituzione dell'UE del 2005 con 454 pagine e 448 paragrafi. - In termini di volume, ma anche di contenuto, la Costituzione europea si ispira dalla Costituzione federale svizzera:

 

2.2  La Costituzione alla Svizzera

 

La nuova Europa e la sua Costituzione si basano sull'esperienza secolare della Svizzera come leader mondiale in materia di referendum, iniziative, federalismo e neutralità armata, in cui la nuova Europa si differenzia il più chiaramente dall'UE di oggi:

  • La democrazia diretta si appoggia in modo cruciale sulla fiducia creata attraverso i referendum tra Stato e cittadini. - L'UE però rifiuta rigorosamente i referendum a livello europeo e persino interferisce ripetutamente nei referendum e elezioni nazionali nei paesi membri che non le piacciono!
    ddd
  • Confederazione decentrata - federalismo - sussidiarietà: Nella nuova Europa, i paesi membri conservano le loro strutture e istituzioni interne molto diverse (ad es. democrazia parlamentare), e possono così rafforzare la loro indipendenza nazionale (a parte nel nucleo politicamente integrato). -  Gli Stati membri dell'UE, d'altra parte, stanno cedendo sempre più competenze e poteri a "Bruxelles"!
    ddd
  • Neutralità armata: La nuova Europa commanda un esercito per mantenere la propria sicurezza e indipendenza, per prevenire le guerre e per rafforzare la pace nel mondo - e vuole diventare un faro di democrazia, pace e libertà, diritti umani e dignità umana nel mondo. - L'UE, al contrario, vuole giocare il ruolo di una nuova superpotenza globale USE - su un piano di parità con USA, Cina e Russia!

3. Referendum - spada di Damocle

3.1  Creare fiducia!

Non esiste nessuna vera democrazia senza fiducia reciproca tra lo stato e i suoi cittadini - e non esiste una via migliore per creare e rafforzare tale fiducia che i referendum, poiché:

 

Nulla rafforza tanto la democrazia, la pace e la libertà, il senso dei cittadini di solidarietà e responsabilità democratica per la nuova Europa, la certezza di essere presi sul serio dai politici, e l'impegno dei cittadini per l'Europa, come i referendum regolari, definiti nella costituzione, che daranno ai cittadini la possibilità di decidere liberamente, dopo campagne aperte e istruttive, tutte le questioni europee essenziali! - La Svizzera ne dà la prova da centinaia di anni tutti i tre mesi!

 

Nulla al contrario, offende, indigna e umilia i cittadini tanto, quanto i politici che ignorano, rifiutano e lanciano o usano i referendum abusivamente per i loro propri scopi e le loro carriere, o che li ripetono, finché i risultati a loro piacciano! - Ce ne sono motlti, per sfortuna, non solo nell'UE!

 

 

3.2  Prendere responsabilità!

 

L'UE sta utilizzando Corona e la crisi del clima senza scrupoli come la sua chance unica per una spinta spettacolare della sua centralizzazione ulteriore - a spese dei suoi paesi membri e cittadini:

  • Con il fondo per la ricostruzione di Corona da 750 miliardi di euro "Next Generation Europe", l'UE sovvenziona, coordina e controlla i paesi membri e i loro cittadini dall'alto verso il basso!
    ddd
  • Nella politica del clima, l'UE vuole assumere un ruolo guida a livello mondiale con il suo "Green Deal", attuare gli obiettivi dell'Accordo di Parigi sul clima dall'alto in basso e trasformare le economie dei paesi membri e lo stile di vita dei cittadini!
    ddd
  • Con una politica di difesa e estera comune e le proprie forze armate, l'UE vuole diventare una superpotenza globale USE - su un piano di parità con USA, Cina e Russia!

Conclusione: Bruxelles vuole sempre più potere, ma nessun referendum (un incubo!), sempre più unità, ma senza paesi cooperando liberamente e diversamente ("cherry pickers"), cittadini sempre più patrocinati nel lockdown top-down, ma senza europei responsabili, impegnati e convinti ("sopraffatti").

 

Un'Europa dei cittadini, con e per i cittadini, esisterà solo se molti milioni di cittadini impegnati, responsabili e sovrani in tutta Europa la chiedono, se ne assumeranno la responsabilità e la metteranno in atto dal basso con la spada di Damocle nei referendum - insieme con politici acquiescenti e impegnati!

 

 

 

 

 

Referendum: Soggetti patrocinati → cittadini responsabili 

Politocrati, burocrati, autocrati ed eurocrati → servi del popolo - per referendum! 

 

  •  I cittadini sovrani e responsabili sono presi sul serio da Europa perché possono decidere tutte le questioni europee importanti (ev. anche a livello nazionale) - tramite referendum!

  • Politici assetati di potere diventano servi del popolo sotto la spada di Damocle referendum, lottando con veemenza e tenacità per la nuova Europa dei cittadini, con e per i cittadini!
  • Paesi, regioni e comunità cooperando in pace prendono il potere a Bruxelles e demoliscono definitivamente il suo sogno di una superpotenza mondiale Stati Uniti d'Europa (USE)!
  • Il progetto europeo di pace utilizza le crisi come opportunità per rafforzare la pace, la libertà, la democrazia e il benessere, i diritti umani e la dignità umana - grazie ai referendum!
 

 

 

4. Conclusione: Ce la faremo!

4.1  Noi milioni cittadini in tutta Europa!

 

Tutti gli europei che sono d'avviso che molto debba cambiare di modo urgente e drastico in Europa - anche in vista delle crisi Corona e clima - perché nel 21° secolo solo un'Europa diversificata e democratica potrà sopravvivere e prosperare - sono chiamati ad impegnarsi, in particolare:

  1. Tutti i sostenitori dell'UE preoccupati, che vogliono evitare la paralisi e il crollo dell'Unione e rafforzare l'Europa come progetto di pace e comunità di valori - sono chiamati ad impegnarsi per la partecipazione del loro paese al nucleo politicamente integrato dell'Europa!
    xxx
  2. Tutti gli oppositori dell'UE che vogliono che il loro paese possa trarre vantaggio dalla proficua e molteplice cooperazione in una nuova Europa diversificata sono chiamati ad impegnarsi per la partecipazione del loro paese all'area europea di libero scambio o al nuovo mercato comune!
    xxx
  3. Tutti i cittadini dell'UE che vogliono recarsi alle urne più di una volta solamente ogni 5 anni (nelle "elezioni europee") - sono chiamati ad impegnarsi per il diritto di voto su tutte le domande e crisi europee importanti (se possibile sempre più anche nazionali)!
    xxx
  4. Tutti gli europei non UE/SEE (compresi russi, ucraini, bielorussi, turchi, britannici, svizzeri...) che vogliono parteciparе in un'Europa pacifica e prospera da Vladivostok a Reykjavik devono - come cittadini sovrani di stati indipendenti - impegnarsi per il diritto di voto nei referendum sul ruolo del loro Paese in Europa!
    xxx 
  5. Tutti i cittadini frustrati dall'UE che vogliono avere voce in capitolo in Europa, devono impegnarsi nel manifesto democratico virale e nella rivolta europea dei cittadini online, infettare tutta l'Europa, compresa "Bruxelles", con il loro virus della democrazia diretta, e prendere il potere in Europa per referendum, con milioni di attivisti pronti a battersi per la democrazia in tutta Europa!

4.2  Il nostro progetto di pace

 

Noi, milioni di cittadini emancipati, responsabili e impegnati in tutta Europa, stiamo ora realizzando il nostro progetto di pace - democraticamente, per mezzo di referendum, dal basso:

  1. La nostra Europa flessibile e prospera, che usa le crisi come chаnce per una cooperazione di successo, vivace e svariata che porta pace, libertà e prosperità a tutti i paesi e popoli d'Europa!
    xx
  2. La nostra Europa sussidiaria, decentralizzata, confederale, in cui noi cittadini in tutta Europa viviamo, manteniamo e rafforziamo la nostra identità europea, i nostri valori comuni e la ricchezza delle nostre culture, lingue e tradizioni ogni giorno.
    xx
  3. La nostra Europa resistente alle crisi, forte e protettiva - potenza di pace neutrale e armata, in piena espansione - faro nel mondo per la democrazia, la pace e la libertà, il benessere e la sostenibilità, i diritti umani e la dignità umana!

  

1. Bruxelles+

Come sempre: dall'alto!
EU+ rafforzata!

 

Immagine: senza referendum!
Senza referendum!

  

2. Brexit+
Indipendenza nazionale!
EU- ridotta!

 

Imagine: Referendum decisi "dall'alto"!
Referendum decisi "dall'alto"!

  

3. Democrazia+

Referendum: dal basso!
EU* trasformata!

 

Immagine: L'Europa con e per noi cittadini!
L'Europa con e per noi cittadini!